Scopri i tour nella città di Venezia

Offriamo varie tipologie di tour nella meravigliosa città di Venezia

Jewishghetto.jpg

IL GHETTO EBRAICO

VENEZIA E LA STORIA DEL POPOLO EBRAICO

Per secoli l'economia veneziana si resse principalmente sul commercio: merci di lusso come spezie, sete e pigmenti importate dal vicino e lontano Oriente.

La città divenne ben presto un vero centro multietnico: Greci, Armeni, Persiani e Turchi svernavano prima di poter riprendere il mare e tornare ai luoghi d'origine. Molti si stabilirono in forma permanente. Leggi e normative regolavano le presenze dei forestieri e nel 1516 gli ebrei furono i primi ed unici a potersi stabilire in un proprio quartiere.

Un racconto di ospitalità e pregiudizi, alla scoperta delle origini e  dell'evoluzione del ghetto ebraico di Venezia.

La visita verrà illustrate dalla guida turistica Laura.

COMUNITÀ STRANIERE A VENEZIA

PRIMA PARTE: GRECI, ALBANESI, TEDESCHI E ARMENI

Verso la fine del XV secolo l'inviato francese Philippe de Commynes riferì che a Venezia la maggior parte delle persone erano straniere.

 

Venezia era infatti una città molto cosmopolita a quel tempo, attirando mercanti e pellegrini da tutta Europa: greci, dalmati e albanesi, tedeschi, armeni ed ebrei si stabilirono e acquisirono la cittadinanza veneziana.

 

Un viaggio affascinante alla scoperta dei luoghi legati a queste comunità straniere e alla divulgazione della politica veneziana saggia e aperta nei loro confronti.

La visite verranno illustrate dalla guida turistica Laura.

IMG_1436.heic

I LUOGHI DI TINTORETTO

SULLE TRACCE DI UN GENIO RIBELLE NELLA SUA VENEZIA

Jacopo Tintoretto nacque a Venezia tra il 1518 e il 1519. In una città dominata dal grande Tiziano, il suo percorso artistico fu travagliato e fulminante. 

Il Miracolo dello Schiavo nel 1548 fece scalpore e gli diede notorietà, ma non gli spianò il cammino.  Artista innovativo, scostante, dipinse per passione e Venezia conserva ancor oggi i suoi più grandi capolavori. 

Per ammirarli, bisogna percorrere la città: "Tintoretto è Venezia, anche se non dipinse Venezia”, disse di lui Jean Paul Sartre.

La visite verranno illustrate dalla guida turistica Laura.

IMG_1133 (1).jpg

CASTELLO E ARSENALE 

PASSEGGIATA NEL CUORE DEL POTERE NAVALE DI VENEZIA

Castello è uno dei  “sestieri” più affascinanti e autentici di Venezia, in un’area legata principalmente all’istituzione e allo sviluppo del cantiere navale di Stato,  l’Arsenale, fondato intorno agli inizi del XIII secolo.

 

Ne conseguì che l’area si plasmò principalmente ad immagine e somiglianza dei suoi abitanti, gli operai, gli arsenalotti: piccole case a schiera, calli anguste, antichi pozzi, rari palazzi.

 

A distanza di secoli, questa pittoresca zona di Venezia conserva pressoché intatta la sua fisionomia.

La visite verranno illustrate dalla guida turistica Laura.

thumbnail_image3.jpg

LE CASE VENEZIANE

UN ESEMPIO UNICO DI ARCHITETTURA

L’architettura di Venezia è unica, straordinaria. Splendide dimore costruite sull’acqua in una commistione di stili derivati dalle relazioni commerciali che la città intrattenne con l’Oriente.

 

I palazzi, le residenze dei ricchi mercanti, si ergono maestosi sull’acqua e tuttavia, non offrono solo splendidi superfici, poiché vennero progettati per essere anche estremamente funzionali. 

 

Scopriremo come vennero realizzati questi grandiosi edifici su terreni paludosi, come funzionassero, vedremo la loro evoluzione nel tempo, da rudimentali capanni a meravigliosi monumenti!

La visite verranno illustrate dalla guida turistica Laura.

venezia%20lido%202_edited.jpg

IL LIDO E LA BELLE EPOQUE

LO SVILUPPO URBANISTICO E SOCIALE DEL LIDO

Oltre ad essere la mia casa, il Lido è una delle tre isole barriera che proteggono e separano Venezia e la sua laguna dal mare aperto.

Il Lido rimase per secoli un'isola pressochè disabitata; fin quando, verso la fine del XIX secolo, la scienza e la medicina compresero i benefici della terapia del sole e del mare. L'isola divenne oggetto di uno sviluppo urbanistico molto interessante e grazioso con hotel, ville residenziali in stile Liberty, caffè e ristoranti, attirando un'élite di viaggiatori che vi trascorrevano l'intera estate.

Thomas Mann ha lasciato un ritratto memorabile di quegli anni nel suo romanzo Morte a Venezia, da cui è stato tratto l'omonimo film di Luchino Visconti. Una pagina interessante di storia, un invito a conoscere una realtà così vicina a Venezia eppure così diversa.

La visite verranno illustrate dalla guida turistica Laura.